Deep Web – Gli 11 migliori motori di ricerca per trovare quello che Google non può

Per la maggior parte degli utenti di Internet il mondo online inizia e finisce con Google.com. Tuttavia Google non è in grado di trovare proprio tutto sulla rete perché esiste un Web profondo (“deep“), invisibile (“invisible“) ed oscuro (“dark“) non accessibile da Google. Per questo motivo è necessario utilizzare motori di ricerca ad hoc, che ci consentano di trovare le informazioni che non sono normalmente disponibili.

Continuate a leggere questo articolo per conoscere meglio il Deep Web e gli attuali migliori motori di ricerca.

Cos’è l’Invisible Web?

Per conoscere l’Invisible Web e capire come i motori di ricerca del Deep Web ci possono aiutare dobbiamo prima comprendere i tre attuali diversi livelli del Web.

In breve:

  • Il “Surface Web” (web “di superfice”) è il luogo in cui rimangono la maggior parte degli utenti di Internet. È il Web che Google è in grado di ricercare eseguono la scansione ed indicizzano tutti i siti presenti. Questo è ciò che l’utente medio intende come Internet.
  • Il “Deep Web“, o Shallow Web, è una lunga lista di database, server e programmi per la maggior parte che non verranno visualizzati nei risultati di una ricerca online o direttamente sul Web. Gli esperti considerano il Deep Web considerevolmente più ampio del Surface Web che, a loro dire, rappresenta solo il 5-10% di tutte le pagine web esistenti.
  • Il “Dark Web” è qualcosa di cui generalmente si sente parlare nei notiziari o nei film, luogo virtuale sede di attività spesso illecite, come la vendita di droga o armi, e che richiede un browser molto specializzato come Tor per navigare.

Allora cos’è l'”Invisible Web” ? Per la maggior parte si trova nel del Deep Web, dove i web crawler generici non riescono ad arrivare. Ad esempio la maggior parte dei record pubblici è archiviata in database e non su singole pagine Web statiche. Questo li rende “invisibili” a Google, ma possiamo ottenere queste informazioni dai motori di ricerca del deep web.

The Best Deep Web Search Engines

Ecco la nostra selezione dei migliori motori di ricerca del Deep Web, che descriveremo di seguito.

  1. Pipl
  2. DuckDuckGo
  3. Wayback Machine
  4. notEvil
  5. Torch
  6. Directory of Open Access Journals
  7. Elephind
  8. Ahmia
  9. WorldCat
  10. Spokeo
  11. The Hidden Wiki

1. Pipl

Pipl afferma di essere il più grande motore di ricerca di persone al mondo. Consente a chiunque utilizzi i suoi servizi di eseguire ricerche tra atti giudiziari, elenchi di membri, database ricercabili, ecc. Fornisce più informazioni su una persona rispetto alle pagine Facebook o LinkedIn e si concentra sulla sua capacità di aiutare a “combattere le frodi” e “accelerare le indagini”.

2. DuckDuckGo

DuckDuckGo si concentra molto sulla privacy e non tiene traccia della navigazione degli utenti, il tutto consentendo di eseguire ricerche nel Surface Web. Tuttavia DuckDuckGo ha anche un lato nascosto che consente di cercare nel Deep Web. Abbinando DuckDuckGo con la versione .onion sarete in grado di eseguire ricerche molto più ampie includendo il Deep Web. Tenete però presente che ciò richiederà il Tor browser.

3. Wayback Machine

Ciò che rende la Wayback Machine davvero speciale è che, a differenza dei motori di ricerca come Google e Bing che ricercano solo ciò che è disponibile su un sito web oggi, la Wayback Machine fornisce uno sguardo ai contenuti che non sono più disponibili. Offrendo più di 100 terabyte di dati o 593 miliardi di pagine web consente di ricercare la storia di qualsiasi sito pubblico.

4. notEvil

Simile a DuckDuckGo, notEvil richiede il browser Tor per l’accesso, ma fornisce risultati su oltre 32 milioni di siti Web. Inserite la URL http://hss3uro2hsxfogfq.onion nella barra degli indirizzi ed iniziate a cercare nel deep web. Si dice che l’algoritmo venga aggiornato regolarmente, e la sua interfaccia utente molto semplice lo rende un buon punto di ingresso nel Deep Web.

5. Torch

Torch è uno dei siti deep/dark web più vecchi e conosciuti ed è disponibile utilizzando qualsiasi browser Tor (Tor Search = Torch). Come nel caso della maggior parte dei siti di questo elenco Torch si impegna a farvi sapere che non vi seguirà o vi censurerà e rispetterà assolutamente la vostra privacy. Il più grande svantaggio di Torch ? Gli annunci.

6. Directory of Open Access Journals

Quante volte vi siete imbattuti in una rivista accademica che volevate sfogliare solo per scoprire che avevate bisogno di un abbonamento ? La Director of Open Access Journals è qui per aiutarvi con più di 11.800 riviste disponibili in 80 lingue da 126 paesi diversi. Le materie includono agricoltura, istruzione, storia, medicina, legge, scienze militari, tecnologia scientifica ed altro ancora.

7. Elephind

Se avete la necessità di consultare un numero arretrato dei giornali storici del mondo Elephind fa al caso vostro. Con oltre 3,8 milioni di giornali disponibili su 4.300 titoli diversi mette a disposizione un totale di oltre 200 milioni di archivi. Quando si tratta di questo tipo di ricerche, studenti, genealogisti ed altri troveranno che questo è il sito perfetto.

8. Ahmia

Uno dei pochissimi motori di ricerca del Deep Web accessibile anche dal Surface Web,  Ahmia.fi vi consente di eseguire ricerche sul Deep Web, ma dovrete passare al browser Tor per poter visualizzare i risultati. Ciò che rende Ahmia così eccezionale è che potete avere un’anteprima di ciò che potreste potenzialmente trovare prima di entrare nell’Invisible Web e ci vogliono solo un minuto o due prima di capire come cercare e navigare nei risultati. È un’ottima introduzione al Deep Web per i principianti.

9. WorldCat

Siti come WorldCat aiutano a ricercare nei database del Deep Web. Passare da una biblioteca all’altra per trovare un oggetto richiede molto tempo, ma potete affidare il lavoro a WorldCat. Libri, DVD, CD, articoli ed altro sono tutti disponibili come argomenti dei motori di ricerca. Se volete invece creare un elenco di articoli per il futuro, potete registrarvi per un account personale.

10. Spokeo

Spokeo è incentrato sulle persone, avendo accesso ad oltre 12 miliardi di record pubblici è un ottimo punto di partenza per ricercare un chiamante a partire dal numero di telefono. Se invece volete passare a qualcosa di un po’ più invisibile, è possibile ricercare indirizzi e-mail, casellari giudiziari, profili di social media, indirizzi attuali o precedenti ed altro ancora.

11. The Hidden Wiki

Quando state cercando un sito .onion attivo la vostra prima tappa dovrebbe essere The Hidden Wiki. Avrete bisogno di Tor per visualizzare gli indirizzi .onion, ma The Hidden Wiki è un ottimo posto per scoprire alcuni dei migliori punti di accesso all’Invisible Web. Ma chiunque non abbia familiarità con il Dark Web dovrebbe prestare molta attenzione !

Domande Frequenti

1. Dovrei imparare ad utilizzare l’Invisible Web ?

Questa è una domanda a cui solo voi potete rispondere. Per cosa volete utilizzare il Web invisibile? Se si tratta di trovare libri in biblioteca o sfogliare vecchi giornali ha sicuramente i suoi vantaggi, ma l’uso di siti come Spokeo dovrebbe essere fatto solo con le migliori intenzioni e con grande attenzione.

2. L’Invisible Web è sicuro ?

Se iniziate a navigare nelle acque del Dark Web, non si tratterà tanto di sicurezza quanto di legalità. Se rimanete nel territorio del Deep Web gli spazi dove la sicurezza online non è una preoccupazione significativa sono ampi, ma capire come usare Tor è uno dei modi migliori per familiarizzare con il Deep Web e con cosa è possibile fare.

3. Posso avere problemi usando il Deep Web?

Dipende dall’utilizzo che ne fate. Se state usando siti come Spokeo per ricercare colleghi o vicini, allora sì, ma probabilmente non è l’attività in cui siete impegnarti. Se invece lo state usando per ricercare l’inventario della biblioteca, vecchi giornali o per trovare riviste accademiche, allora è completamente sicuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.